Thoughts

Sincerily I don’t like folks, traffic and noise. I prefer silence and stand alone. I see that people search people, I don’t. It seems that many people are happy when are in the middle of the folks, all near, shoulder to shoulder. At restaurant, in the traffic, on beaches, for me it’s strange but this is so.
Maybe the only place where i don’t concern about too many people is when I run during races, I love it. Please look the pic above here, it’s about a race, not the first but quite the last runners but look the faces of the runner, all happy, even tired, in their slow way and someone overweight but this is happiness !!

Annunci
Pubblicato in Running | Lascia un commento

Ieri sera mi è capitata una cosa stupenda

Ieri sera mi è capitata una cosa stupenda: sono andato a correre con mio figlio e due mie nipoti ( figli di mia sorella ), siamo andati insieme ad una corsa organizzata in un paese vicino al nostro. I ragazzi hanno 14, 12 e 11 anni, la voglia di dimostrare che sono grandi facendo a tutti i costi il percorso lungo, evitando la corsa dei piccoli e il mini giro, negli occhi la voglia di divertirsi e stare insieme. Inizialmente pensavo di correre per conto mio e trovarci al traguardo poi alla partenza abbiamo corso per un bel pezzo tutti insieme, trovandoci in fondo al gruppo, tra quelli che partono per ultimi e l’ "orologio chissenefrega" ; poi io e Tommaso abbiamo tirato un pò tanto per superare un pò di gente, bello arrivare insieme al traguardo e sotto sotto soddisfatto di vederlo con la lingua fuori mentre io tornavo incontro ai due più piccoli rimasti un pò indietro ( ma neppure molto !! ). Ogni tanto ci vogliono anche queste serate, per gustarsi l’ estate, il sudore, la compagnia e la bellezza della corsa. Ieri sera mi è capitata una cosa stupenda !!

Foto da archivio 2016

Pubblicato in Running | 2 commenti

Viaggiare in Corsica

Quest’ anno ho trascorso le mie vacanze in Corsica, sono rimasto molto contento della scelta, ho trovato un isola stupenda, selvaggia, con strutture ricettive ottime e a prezzi simili a quelli che si trovano in Italia, anzi per i servizi che ti offrono ho pagato molto meno.
Bisogna stare molto attenti se si esce a cena, se prendi anche antipasti e vini il conto si impenna notevolmente, per non parlare dei dessert tutti molto cari purtroppo.
Fare la spesa al supermercato è un 20% più caro rispetto a Milano. La maggior parte dei parcheggi sono gratuiti anche se bisogna stare attenti a dove lasciare la macchina per non incorrere in multe.
Il profumo dell’ isola è davvero intenso, sa di rosmarino, timo, origano, mirto e altre piante, ma il profumo è davvero delizioso e intenso. Che altro dire ? Io sono stato a nord e poi a sud, in mezzo ci sono le alte montagne che io non ho visitato, ma la costa è stupenda, la strada è unica, senza alternative e basta un semaforo ( ne ho visto solo uno vicino a Porto Vecchio ) per creare una lunga colonna, oppure passare in mezzo a paesi per tornare a Bastia in tempo per prendere il traghetto per il ritorno. Il mare ? Bellissimo anche se qualche spiaggia era infestata da alghe, ma c’ era sempre una spiaggia alternativa, e in questi casi internet ha aiutato molto.

Pubblicato in Running | 2 commenti

Summer races

In Summer when the days are long in the little towns around my city organize beautiful short running races which the start is in the late evening.
i like very much these races because there are many people, nice paths, sky color’s and they generally are long between five and seven kilometres, at full speed.
I have already run two races and I’ll try to be as much as possible, that usually are on Tuesday and on Friday at nearly twenty pm.

Pubblicato in Running | Lascia un commento

Stasera !!! 6,7 km sotto il sole !!

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Iscritto – 65 km 4100 disl + – 23 Settembre 2017

Se ne ho fatti 50 ne posso fare 65 …con 1100 mt in più di dislivello.

La tattica sarà fermarsi a tutti i ristori e riprendere senza fretta !!

Pubblicato in Running | 1 commento

ULTRA-RUNNER

Per me prima volta oltre i 34 in montagna e a dire la verità 2900 metri di dislivello sarebbero stati un muro fino a qualche anno fa.
Il mio approccio alla corsa di Maccagno è stato di chi si aspetta la solita crisi di stanchezza e crampi, ma non sa esattamente quando arriverà. La prima salita è andata bene, la discesa un pò meno arrivato al secondo ristoro sono spaventato da quello che pensavo fosse una continua salita fino alle cime più alte e invece il pezzo in piano dopo la diga è stata una piacevole corsetta in un bosco stupendo anche se a tratti il fango dava fastidio perchè non volevo proprio inzupparmi i piedi. Poi piano piano si ricomincia a salire, ma abbastanza dolcemente. Al terzo ristoro ho superato la metà corsa e sto bene. Si riparte e la salita si fa sentire, sono stanco, ma fiducioso sono al 29esimo km e 2100 mt di dislivello, penso che ormai il grosso è fatto e vado avanti. Si inizia a vedere neve siamo intorno quota 1300 metri, ho avuto qualche avvertimento di crampi ai polpacci e temo di dovermi fermare. La salita si fa pesante, ma con il fatto che sono in gruppo e che ormai credo manchi poco continuo ad andare avanti abbastanza tranquillamente. Le due come vicine sono uno spasso per la vista e per il pensiero che ora si scende. Si inizia a scendere e sono in difficoltà un pò per il terreno e un pò per la stanchezza, ma si va anche se perdo contatto con chi avevo davanti, poi la strada si fa sempre più larga fino a diventare una carozzabile e si corre o megli corricchia fino all’ ultimo ristoro dove mangio qualcosa bevo e riempio le borracce. Appena si riparte c’e’ l’ ultima salita e poi giù a fatica per la discesa, ormai si scende la quota e ci si crede arrivati, ma in realtà manca ancora molto e cerco di non mollare di testa, facciamo un bellissimo tratto nel bosco sono in comnpagnia di un runner della mia zone, si parla e si fatica di meno, poi ci sorpassa come un treno un ragazzo che nel corso della salita ho visto molte volte, tentiamo di stargli attaccati, ma poi va, rimaniamo insieme anche se forse lui ha più benzina di me. Facciamo la stessa strada dell’ andato ora ma i ricordi sono vaghi e non si capisce quanto manca, ma manca poco, e le pozzanghere non si evitano più ormai, ma sono duro divertimento. Siamo in paese mi volto e Davide è un pò staccato, rallento abbiamo fatto gli ultimi 10 km insieme e dobbiamo finirla insieme, l’ arrivo sono cento metri di applausi di atleti già arrivati e docciati con le loro famiglie, bello, alzo le braccia al cielo, arrivo, sono un ultra-runner !!

Pubblicato in Running | 2 commenti