Iscritto – 65 km 4100 disl + – 23 Settembre 2017

Se ne ho fatti 50 ne posso fare 65 …con 1100 mt in più di dislivello.

La tattica sarà fermarsi a tutti i ristori e riprendere senza fretta !!

Pubblicato in Running | 1 commento

ULTRA-RUNNER

Per me prima volta oltre i 34 in montagna e a dire la verità 2900 metri di dislivello sarebbero stati un muro fino a qualche anno fa.
Il mio approccio alla corsa di Maccagno è stato di chi si aspetta la solita crisi di stanchezza e crampi, ma non sa esattamente quando arriverà. La prima salita è andata bene, la discesa un pò meno arrivato al secondo ristoro sono spaventato da quello che pensavo fosse una continua salita fino alle cime più alte e invece il pezzo in piano dopo la diga è stata una piacevole corsetta in un bosco stupendo anche se a tratti il fango dava fastidio perchè non volevo proprio inzupparmi i piedi. Poi piano piano si ricomincia a salire, ma abbastanza dolcemente. Al terzo ristoro ho superato la metà corsa e sto bene. Si riparte e la salita si fa sentire, sono stanco, ma fiducioso sono al 29esimo km e 2100 mt di dislivello, penso che ormai il grosso è fatto e vado avanti. Si inizia a vedere neve siamo intorno quota 1300 metri, ho avuto qualche avvertimento di crampi ai polpacci e temo di dovermi fermare. La salita si fa pesante, ma con il fatto che sono in gruppo e che ormai credo manchi poco continuo ad andare avanti abbastanza tranquillamente. Le due come vicine sono uno spasso per la vista e per il pensiero che ora si scende. Si inizia a scendere e sono in difficoltà un pò per il terreno e un pò per la stanchezza, ma si va anche se perdo contatto con chi avevo davanti, poi la strada si fa sempre più larga fino a diventare una carozzabile e si corre o megli corricchia fino all’ ultimo ristoro dove mangio qualcosa bevo e riempio le borracce. Appena si riparte c’e’ l’ ultima salita e poi giù a fatica per la discesa, ormai si scende la quota e ci si crede arrivati, ma in realtà manca ancora molto e cerco di non mollare di testa, facciamo un bellissimo tratto nel bosco sono in comnpagnia di un runner della mia zone, si parla e si fatica di meno, poi ci sorpassa come un treno un ragazzo che nel corso della salita ho visto molte volte, tentiamo di stargli attaccati, ma poi va, rimaniamo insieme anche se forse lui ha più benzina di me. Facciamo la stessa strada dell’ andato ora ma i ricordi sono vaghi e non si capisce quanto manca, ma manca poco, e le pozzanghere non si evitano più ormai, ma sono duro divertimento. Siamo in paese mi volto e Davide è un pò staccato, rallento abbiamo fatto gli ultimi 10 km insieme e dobbiamo finirla insieme, l’ arrivo sono cento metri di applausi di atleti già arrivati e docciati con le loro famiglie, bello, alzo le braccia al cielo, arrivo, sono un ultra-runner !!

Pubblicato in Running | 2 commenti

Il Canto della Pianura

E’ vero che non leggo molto ( in italiano ) ultimamente, ma questo libro me lo sono proprio gustato e ve lo vorrei suggerire. Il Canto della Pianura di Kent Haruf. Mi sono imbattuto con questo autore nel web, non ricordo esattamente dove e come, ma mi ha incuriosito molto. Devo dire che facevo fatica a staccarmi da questo racconto con personaggi semplici, nella loro vita ordinaria, senza che capiti nulla di rilevante, ma è raccontato così bene che ora che l’ ho finito mi spiace. Il libro fa parte di una trilogia ambientata in un paese immaginario Holt "dove ci sembra di vivere da sempre e che mai vorremmo lasciare".

Aspetto vostri commenti !!

Pubblicato in Running | Lascia un commento

Mancano meno di due giorni !!

La testa oggi è lassù oltre Luino, sopra Maccagno dove Domenica ( tra meno di due giorni !! ) ci porterà il cuore. E’ impossibile descrivere quello che prova correndo e camminando in montagna, e farlo con una gara organizzata da un’ adrenalina in più, ci sono altre persone con le tue stesse motivazioni che non saranno avversari, ma compagni di viaggio e la cosa che mi gasa un pò è che una decina di questi pazzi già li conosco anche se vanno tutti più forte di me!!. Una gara organizzata ha innumerevoli vantaggi tra cui un percorso in cui è difficile perdersi ( come spesso mi capita quando sono in giro da solo ), punti di ristoro, volontari lungo il percorso in caso di necessità, un pranzo/cena quando arrivi. Dai tra poco si corre mille pensieri, mille motivazioni, mille sguardi intorno a te, al tuo compagno di corsa che piano piano sta aumentando l’ andatura oppure sei tu che stai diminuendo perchè non ce la fai più. Guardarsi in giro, gustarsi il paesaggio, cogliere qualche bel panorama rendono la corsa in montagna uno sport fantastico e pazienza se a tua residenza è in pianura dove tutto è piatto. In mezzo alla natura ti misuri solo con te stesso, non devi fare il record, devi arrivare al traguardo sano e entro il termine orario. Sarà sicuramente un giorno di festa !!

Pubblicato in Running | Lascia un commento

Pronti !!

Qui una foto prima della partenza all Orna Trail. Ci saremo tutti Domenica all International Trail Lago Maggiore

Pubblicato in Running | Lascia un commento

We are ready !!

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

My followers

Dear my follower thank you very much because despite the different language you read my poor blog.It isn’t easy for me explain you my sensations during my mountain race called "Orna Trail".
The race was on Saturday and it was strange for some reasons. First was on Saturday usually in Italy are on Sunday.
The race was hard but not very hard the mountains are not very tight and the slope paths are slow.
The start and arrive are in a beautiful place with a restaurant with many outdoor tables and a little lake. Terrific !!

If you want help me with my English you could send me a private mail
Paolok for magnaghi at gmail for com
Thanks

Pubblicato in Running | Lascia un commento